“Misurare” i capelli

FAQ: Come si misura la lunghezza dei capelli? Come faccio a paragonare la lunghezza di oggi con quella post pozione? Da dove devo partire per misurare la lunghezza dei capelli? Cos’è il girocoda? Come si misura il girocoda? Qual è la misura normale di un girocoda?

Eccoci, come promesso parliamo dei vari metodi di misurazione dei capelli, lunghezza e quantità.

Iniziamo subito.

  • Come si misura la lunghezza dei capelli? E’ la mia lunghezza effettiva?

wpid-wp-1417526161950_wm.jpgNel mondo siamo tanti, ognuno ha i capelli diversi. Qual è il modo migliore di venirci tutti incontro? Stabilire una convenzione. La convenzione è che la lunghezza dei capelli si misura puntando il metro da sarta sull’attaccatura sulla fronte e si fa scorrere all’indietro sulla testa fino alla nuca e poi alle punte.

In questo modo possiamo anche usare i risultati sul metro come punto di riferimento per quando dobbiamo paragonare diverse lunghezze: l’attaccatura dei capelli sta là fissa, non si muove. Se dobbiamo assumere degli integratori o bere la pozione, il modo migliore per avere dei dati concreti è di segnarsi il numero vicino cui arrivano i capelli all’inizio e alla fine della cura.

PERO’ se qualcuna con un pertinente spirito critico ci avrà fatto caso, è impossibile che questa sia la misura effettiva dei capelli, poiché il capello che parte dall’attaccatura sulla fronte di solito viene accorciato per incorniciare il volto, quindi non è lo stesso che poi arriva fino alle punte dietro.wpid-wp-1417525887401_wm.jpg

Il metodo convenzionale è quello, ormai è appurato, e quando vi chiedono dove vi arrivano i capelli voi dovete usare quel metodo sopra citato. Però, per vostro scrupolo, quando vorrete sapere davvero la vostra misura effettiva, vi verrà in mente, se avete i capelli scalati, di cercare il vostro capello o la vostra ciocca più lunga per misurarla dalla radice fino alla punta. Oppure se li avete pari dividerete i capelli facendo la riga a metà della testa e misurerete dalla riga fino alla punta più lunga. Vi renderete conto che questa misurazione sfalsa di almeno 10cm rispetto a quella convenzionale e vi verrà un tocco. NON VI PREOCCUPATE, è normale!

[La ragazza che vedete nelle foto è mia sorella, quindi i capelli che vedete sono sempre gli stessi. Nella prima foto la lunghezza arriva a 70cm col metodo convenzionale; nella seconda foto sono lunghi circa 10cm in meno, perché abbiamo posizionato il metro a partire dalla riga -non più dall’attaccatura sulla fronte.]

 

  • Che cos’è il girocoda? E come si misura? Com’è un girocoda minimo?

wpid-wp-1417526374221_wm.jpgQualcuno di voi si sarà domandato come si fa a definire che una chioma è folta rispetto a un’altra, allora avrete pensato che l’unico modo è quello di misurare una specie di “spessore”. Esatto: il girocoda è lo spessore di tutti i capelli presi insieme sulla fronte e legati in una coda.

Il modo per misurare il girocoda è (facendosi aiutare se non vi vedete allo specchio) pettinando tutti i capelli verso l’alto, in una coda molto alta, scorrendo il metro intorno alla coda (senza barare approfittando dello spessore fatto dall’elastico-meglio se non lo usate! Vedi la foto) senza stringere troppo e senza lasciar ballare i capelli. Insomma che sia una misurazione più veritiera possibile.

Le misure normali variano tra 6cm di circonferenza fino a 15cm. Il mio girocoda, l’ultima volta, prima di fare la frangetta, era simile a quello di mia sorella, quindi di circa 9cm.

Ora dovremmo fare ulteriori distinzioni tra capello fino, normale e grosso però ci dovremmo accingere a contarli uno a uno per capirne le quantità! Meglio di no! 😛 In un altro momento parleremo di com’è meglio trattare, e quindi distinguere, un capello fino da uno grosso, eccetera.

 

  • Metodi di paragone.

Questo punto è un po scemo, e forse scontato, però meglio specificarlo. Il metodo migliore per paragonare i capelli prima e dopo una cura è: fotografarli!

Il modo migliore per capire la lunghezza è usare una maglia a righe. Maglia, T-shirt, maglione, maglioncino, golf, cardigan, felpa. Ok, è sempre meglio che siano aderenti alla pelle, quindi preferìte una maglia lunga di cotone, estiva. Bisogna stenderla più possibile tirandola al limite per non far piegare il tessuto su sé stesso. La foto dovrebbe essere scattata da una media lontananza, quindi non troppo vicino, e da un’inclinazione che non sfalsi le lunghezze. Se scattate la foto nel bagno con il telefono con l’autoscatto sulla finestra, cercate poi di appoggiare il telefono nella stessa posizione e di sistemarvi alla stessa distanza.

 

Il modo migliore per capirne i colori, invece, è alla luce naturale, ma che non sia luce diretta del Sole.wpid-wp-1416245378489_wm.jpg La luce diretta del Sole o il flash potrebbero sparaflesciare il colore in maniera diversa. Più i capelli riflettono la luce (=sono luminosi) e più il colore potrebbe essere sfalsato. L’ideale sarebbe uscire in giardino, per esempio, in una mattina soleggiata, ma farsi la foto all’ombra del balcone. Per i riflessi invece è sempre meglio mettersi al sole, facendosi fotografare da una certa distanza. Con l’henné spesso, per capire meglio, bisogna fare anche una foto al chiuso, con luce artificiale, che non alteri il colore naturale.

Senza che sto qui a dirlo, per effettuare i paragoni di colore non bisogna usare filtri (no Instagram, no Retrica ecc.).

[La ragazza in quest’ultima foto sono io. Come potete notare, ad ogni tipo di luce diversa corrisponde un riflesso diverso: alla luce naturale diretta, indiretta e al chiuso.]

Non so se sia necessario paragonare il girocoda. Potreste decidere di iniziare a curare i vostri capelli con l’henné per inspessìre il capello, però non ho idea del fatto che possa esistere una sostanziale differenza. Potreste certamente provare. Segnate sul calendario la vostra misurazione e per stare sicuri, magari, potete fotografare anche la posizione in cui vi mettete per misurarli la prima volta, in modo da ricordarvi come posizionarvi successivamente. Poi potreste fare la foto al risultato direttamente sul centimetro da sarta, così da notare la differenza millimetrica.

P. S. Per le RICCE: potreste avere un po di difficoltà nelle misurazioni di lunghezza e girocoda a capelli asciutti. Si consiglia quindi di effettuare ogni misurazione coi capelli bagnati e pettinati 😀

Buon divertimento con le varie misurazioni!!