5 accorgimenti per avere i capelli lucidi

Oggi elenchiamo le 5 azioni più significative per avere dei capelli lucidi. L’unica premessa è che non vi consiglierò nessun prodotto miracoloso, bensì parleremo dei metodi effettivi per renderli lucidi di salute, non di siliconi.

Ciao a tutti! Come abbiamo detto su, parliamo di 5 azioni per rendere i capelli lucidi di salute. E con questo intendo che non starò qui a consigliare grandi maschere, perché non va bene che sia un singolo prodotto a lucidare i capelli. Una chioma lucida è segno di un capello in salute. Quindi L’UNICO MODO per avere i capelli naturalmente lucidi è averli in salute. E un capello sano è lucido SEMPRE (non solo dopo aver utilizzato un singolo prodotto).

Nessun filtro e un po' di bronchite🐝 10/02/15 #vesd94 #navicelladavorio

A post shared by Veronica Pezzola (@vesd94) on

Questo che vuol dire? Vuol dire che non avete un capello sano quando è lucido soltanto grazie all’azione di un prodotto, una maschera, un impacco, un risciacquo acido. Iniziamo ad elencare le azioni fondamentali da compiere.

 

  1. Nutrirlo. Come avevamo anche detto in 10 modi per far allungare i capelli velocemente. capelli ginevraIl principio è che un capello nutrito è un capello sano. Un capello sano cresce velocemente, è lucido, elastico, tende a non spezzarsi e a non dare vita a doppie punte. Quando nascono le doppie punte i capelli si sdoppiano, si schiariscono, si spezzano, e sembrano non crescere mai. E quando un capello è opaco, spesso tende a formare doppie punte e spezzarsi. Un modo efficace di nutrire il capello è fare impacchi e maschere pre shampoo quando ce n’è bisogno (per esempio io ho i capelli già lucidi e pieni, e non necessito di impacchi spesso): bisogna comprare tipo delle maschere già pronte in negozio (rigorosamente senza siliconi, perché se si usa anche un minimo di silicone volatile tutto quello che diciamo è assolutamente inutile), usare un olio, oppure un grande impacco con tanti ingredienti da cucina (perché se un ingrediente si può mangiare si può anche usare sull’organismo senza correre rischi, l’avevamo anche detto a proposito dell’acqua di rose alimentare). Quindi per esempio io uso la Crema Ricostituente ai Semi di Lino della Parisienne o l’olio di cocco. Un impacco con tanti ingredienti potrebbe essere con olio d’oliva, uovo, ecc. Un altro modo per nutrirlo e lucidarlo potrebbe essere il cowash.
  2. Asciugarlo prendendo alcuni accorgimenti. Tipo usare un telo che non assorbe gli oli naturali della cute. Ho testato infatti la T-shirt di cotone al posto dell’asciugamano per assorbire l’acqua in eccesso dopo lo shampoo. La T-shirt estiva XXL avvolge completamente capelli e cute facilmente, vista la forma, e dopo mezz’ora/un’ora risulta completamente zuppa. Perché assorbe bene tutta l’acqua, ma non assorbe il sebo prodotto naturalmente dalla cute. Infatti, usando una T-shirt o un telo in microfibra, i capelli si seccano meno e i baby capelli (quelli più corti) non restano alzati come un’aureola.
  3. Chiudere le squame dopo ogni trattamento. Con ciò intendo dire che dopo il lavaggio o l’asciugatura bisogna sempre chiudere le squame. E come si fa? Si usa il freddo. Ebbene sì, come avevamo detto anche in Come si fa lo shampoo, si usa l’acqua relativamente calda per il lavaggio, ma assolutamente quella fredda (o temperatura ambiente) per il risciacquo finale, perché il freddo chiude le squame. E anche nel post su come si asciugano i capelli, avevamo detto che alla fine dell’asciugatura bisogna usare il getto d’aria fredda, ma questo lo diremo nel punto successivo. Un altro modo per chiudere le squame è usare il risciacquo acido, oppure altri tipi di risciacquo che oltre a chiudere le squame hanno anche altri effetti, tipo quello lucidante, appunto, o quelli antiforfora con il tea tree oil, per favorire la nascita di baby capelli con il tè verde ecc. Insomma, le squame aperte e sollevate, come quando si usano le tinte chimiche o si sbaglia qualche trattamento, danno l’impressione che i capelli siano crespi, opachi, ingestibili, ruvidi.
  4. Usare il phon senza bruciare. Molte youtuber si raccomandano di asciugare i capelli dall’alto verso il basso. Ma, chiedo scusa, voi come li asciugate i capelli? Dal basso verso l’alto? Persino asciugando i capelli a testa in giù si asciugano da sopra la testa verso la parte inferiore, quindi questo consiglio non lo capisco. Io vi posso dire che è utile usare il phon a una certa distanza, con la temperatura media e facendo un passaggio di aria fredda per chiudere le squame, come avevamo detto nel punto 3. Anche quando fate brushing, ovvero asciugate i capelli con phon e spazzola, potete tenere una certa distanza anziché usare il becco direzionale e il phon direttamente attaccato ai capelli. Tutto il vapore che viene fuori dai capelli è la loro anima che sale al cielo.
  5. Pettinarli con spazzole adatte. Magari un giorno faremo un post sulle spazzole e sulle loro funzioni. wpid-wp-1416244206774.jpegIl modo migliore per districare i capelli è usare un pettine di legno, meglio se a denti larghi. Oppure una spazzola con le setole di legno, senza quei fastidiosi pallini sulle punte delle setole e senza che si incastrino i capelli all’attaccatura delle setole col cuscinetto, che di solito tirano e spezzano. Un’altra spazzola ottima per districare è la Tangle Teezer, originale, oppure tarocca, oppure le imitazioni cinesi, oppure le imitazioni originali come la Dessata, ecc. E’ simile alle spazzole che usavamo quando giocavamo con le Barbie per pettinare i cavalli, praticamente 😛 . Molti negozi propongono una versione simile all’originale, tipo Piazza Italia. Adesso anche i nuovi cataloghi dell’Avon stanno offrendo una versione della Tangle Teezer.  Le spazzole di plastica, però, districano velocemente, ma elettrizzano i capelli, quindi basta o una passata di mano o una passata veloce con la spazzola di legno. Eh, non si può pretendere di pettinare senza spezzare i capelli facendolo anche velocemente. Una spazzola che rende lucidi i capelli e fa una sorta di trattamento alla cheratina, invece, è la cinghialina. La cinghialina è una spazzola che costa un pochino di più, è tonda e ha le setole composte da peli di cinghiale. Non molto adatta ai vegani, però le setole di peli di cinghiale sono fatte di cheratina, come i nostri capelli. In più la cinghialina serve a trascinare il sebo della cute sulle lunghezze e possibilmente anche sulle punte.

Vi assicuro che se sarete costanti con questi accorgimenti i capelli diventeranno davvero lucidi, sempre, non solo quando svolgete queste azioni in particolare.

Intanto vi ricordo che potete iscrivervi alla newsletter per ricevere una email a ogni pubblicazione, nella colonna laterale sotto la mia foto di presentazione; al canale Youtube e alla pagina FaceBook per non perdervi mai nulla!

Intanto ci vediamo al prossimo articolo!

A presto!