La mia esperienza con Vovees

Durante gli ultimi mesi del 2016 mi sono messa in contatto con Vovees, un’azienda italiana che produce, per ora, soltanto due prodotti per la cura del viso, con il motto “Naturalmente, il meglio!”.

Buonsalve popolo!

Questa volta parliamo di una collaborazione nata ufficialmente nel gennaio di quest’anno. Come sapete i tempi tecnici che trascorrono dalla stipulazione della collaborazione alla pubblicazione di una recensione sono relativamente lunghi, perché innanzitutto bisogna mettere in conto i tempi di spedizione, eventualmente mettere in coda il nuovo prodotto dietro a quello che si sta già testando, calcolare almeno un mese di utilizzo, preparare il miglior articolo possibile, scattare foto, programmare l’articolo … e tante cose che insomma fanno parte del dietro le quinte della nostra attività di blogging.

… Dicevamo. A novembre 2016 ho scoperto questa azienda mentre frugavo tra gli hashtag di Instagram, come spesso succede mentre perdiamo tempo e clicchiamo sui tag qui e là. Ho deciso subito che non potevo lasciarmi sfuggire questa occasione, quindi mi sono subito messa in contatto con l’azienda, la mia proposta è stata esaminata, e, infine, lunedì 16 gennaio hanno spedito il mio pacchetto via posta1 e martedì 17 il soffice pacchetto è atterrato direttamente sulla mia scrivania.

 

Vovees è un’azienda veronese produttrice di cosmesi (con inci accettabili) attenta agli ingredienti. Tra le varie certificazioni che abbiamo modo di visionare sul sito troviamo: Paraben Free (i parabeni sono ingredienti dannosi quando restano a contatto con la pelle a lungo), Nickel Tested (“ogni lotto di produzione viene garantito con un contenuto di Nickel inferiore a 0,0001%; non esiste prodotto in commercio esente dalla presenza potenziale di questo metallo” – cit), Dermatologically Tested (c’è dunque una ridotta possibilità che questi prodotti causino l’insorgenza di allergie), SLS & SLES FREE (tensioattivi utili nella detergenza della cute, ma di scarsa qualità – di origine petrolifera- e fortemente irritanti e disidratanti), e poi c’è un simboletto colorato molto simpatico che indica che la Vovees non fa uso di coloranti, che sono ingredienti praticamente inutili ai fini di un cosmetico di questo tipo.

 

Come abbiamo accennato nell’intro, la Vovees produce per ora solamente due articoli, e, per darmi la possibilità di testarli, mi ha inviato dieci campioncini di ciascun prodotto, offrendomi quindi:

  1. 30ml di Crema Viso con Acido Ialuronico, Olio di Argan e Aloe, e
  2. 30ml di Filler Viso con Acido Ialuronico Ultrapuro.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dovete sapere che i prodotti di cosmesi Vovees si possono acquistare non solo sul loro shop principale, ma anche su Amazon. Ormai tutti sappiamo che questo sito è il non plus ultra per gli acquisti online, tant’è che ormai se non so cosa regalare io compro carte regalo per Amazon. C’è possibilità quindi di acquistarli con qualche sconticino in base all’offerta e alle promozioni proprie di Amazon, o addirittura di usufruire del servizio PRIME, che ci permette di non pagare le spedizioni e di ricevere il prodotto dopo un giorno lavorativo dall’acquisto.

Annuncio che questi prodotti si chiamano, in italiano, Artemide e Atena, che sono dee greche caratterizzate da un immenso dualismo che, ai tempi del mio quarto ginnasio, avremmo definito “anticonvenzionale”: c’è infatti un contrasto tra il loro essere “donne” e la caratteristica dura, forte rispettivamente, della caccia e della guerra. Essendo io una classicista, apprezzo questa scelta di Vovees, che sicuramente starà ad indicare che il target è rappresentato dalla donna impegnata, studentessa, lavoratrice, che sceglie di essere donna e di curare persona e immagine con una certa accortezza.

 

Parliamo ora più nello specifico di questi prodotti.

  • ARTEMIS – Crema Anti Age – 50ml. Inci: aqua (water), sucrose polystearate, ethylhexyl palmitate, octyldodecanol, caprylic/capric triglyceride, glycerin, cetearyl alcohol, neopentyl glycol diheptanoate, simmondsia chinensis oil (simmondsia chinensis (jojoba) seed oil), butyrospermum parkii butter (butyrospermum parkii (shea) butter), prunus amygdalus dulcis oil (prunus amygdalus dulcis (sweet almond) oil), argania spinosa oil (argania spinosa kernel oil), olea europaea leaf extract (olea europaea (olive) leaf extract),vitis vinifera leaf extract (vitis vinifera (grape) leaf extract), aloe barbadensis extract (aloe barbadensis leaf extract),sodium hyaluronate, hydrogenated polyisobutene, phenoxyethanol, cera alba (beeswax), imidazolidinyl urea, sodium polyacrylate, tocopheryl acetate, tetrasodium EDTA, ethylhexylglicerin, hydroxycitronellal, geraniol, citronellol, limonene (lemon), linalool, hydroxyisohexyl 3-cyclohexene carboxaldehyde, lilial (butylphenyl methylpropional), parfum (fragrance). INDICAZIONI DELLA PAGINA PRODOTTO: ARTEMIS è una Crema Anti Age dai 10 Principi Attivi combinati. La sinergia tra elementi è la sua forza, l’equilibrio è la sua efficacia. Studiata appositamente per Artemis, viene sviluppata come “Emulsione Lamellare” che si adatta perfettamente alla struttura della pelle, imitandone la conformazione e penetrando più in profondità per agire.

Ho fatto uso di questa crema durante la prima metà di aprile, prima di laurearmi, mentre quindi gran parte della mia giornata era impegnata dentro casa, al chiuso, davanti al pc, e durante la prima metà di maggio, quando mi andava di usare prodotti più leggeri rispetto alle creme viso che uso abitualmente. Ho trovato questa crema molto profumata, con una fragranza al limite del sopportabile, molto forte e simile all’odore del Borotalco. Credo che questo prodotto possa trovare indicazione in caso di pelli normali e miste, forse leggermente tendenti al grasso, perché sulla mia pelle mista sensibile con zone secche croniche in alcuni giorni andava bene e in altri giorni no. Cioè in alcuni giorni era adatta, non avevo bisogno di aggiungere qualcosa di più grasso, in altri giorni invece comparivano le screpolature e i rossori. Quindi, ricapitolando, potete usare questa crema se l’odore forte del Borotalco non vi dà fastidio e se avete un tipo di pelle che rientra nel range tra le normali e le grasse.

Per quanto riguarda il colore, il prodotto si presenta in bianco ottico; per quanto riguarda la consistenza invece posso dire che mi pare molto morbida, densa, cremosa. Ne basta una piccola quantità sui polpastrelli per coprire tutto il viso facilmente. Si assorbe abbastanza rapidamente, lascia un pochino di scia bianca che però scompare presto.

  • ATHENA – Filler Viso 30Ml. Inci: aqua (water), glyceryl caprylate, sodium hyaluronate, benzyl alcohol, polyglyceryl-4 laurate/sebacate, polyglyceryl-6 caprylate/caprate, glycerin, tetrasodium glutamate diacetate, benzoic acid, rosa rugosa flower extract, sorbic acid, potassium sorbate, sodium benzoate. INDICAZIONI DELLA PAGINA PRODOTTO: ATHENA è trattamento cosmetico anti age ad effetto Filler Viso Concentrato a base di Acido Ialuronico “Ultrapure” di Vovees ed estratto di Rosa Rugosa di coltivazione totalmente italiana. Aiuta a distendere la cute del viso, lasciando la pelle più luminosa e levigata. Applicare la mattina come base del trucco, massaggiando dolcemente fino a completo assorbimento, oppure unire ad una Crema ad Azione Profonda (Artemis by Vovees) per un risultato eccellente overnight.

Questo filler andrebbe applicato prima del trucco e dopo un’altra crema viso. Io l’ho usato in diverse combinazioni. Allora: la prima volta da solo, al posto della crema viso, per vedere l’effetto che faceva. Troppo secco, ho quindi dedotto che deve essere usato necessariamente in combinazione con un’altra crema viso; è stato un no. La seconda volta l’ho usato sulla crema Athena, per potenziare l’azione ed è stato un nì. La terza volta l’ho usato sulla crema Leggera di Latte & Luna, che praticamente è il prodotto che ho usato in prossimità della laurea, quindi fine aprile, perché è molto oleosa e mi fa sparire screpolature, rossori, secchezza. E’ stato un sì! E poi per smaltire i campioncini aperti l’ho usata praticamente solo nell’ultima combinazione. Praticamente la crema di Latte & Luna è molto oleosa: il filler passato subito dopo, tamponato coi polpastrelli e steso fino all’assorbimento ha reso la pelle opaca e ha tamponato, appunto, la sensazione di pelle grassa, lasciando al contrario una pelle opaca e nutrita. Questa combinazione è stata fenomenale, anzi, consiglierei magari a Vovees di pensarci a questa combo crema grassa+filler. Ho scelto questa modalità di idratazione viso per il giorno della laurea, da tenere sotto allo strato di fondotinta-intonaco per avere una pelle di porcellana, e mi sono trovata benissimo. Questo filler avrebbe il compito di “riempire” il viso, contrastare ovviamente la pelle cadente e le rughe. Per ora io non so dire se mi stia davvero contrastando le rughe, perché a 23 anni non ho chissà quale flaccidume sul viso, però come dicevo sopra ho trovato il prodotto ottimo in combinazione con un’altra crema grassa.

Il filler viso di Vovees è una gelatina giallognola traslucida più liquida che densa, che tende a colare, e non a rimanere compatta come una crema. Non serve eccedere con le quantità, perché una goccina sulla pelle si liquefa e quindi si spalma quasi come se fosse acqua; se ne mettete troppa vi resta la faccia bagnata ma appiccicosa, in poche parole. Non serve trascinarla, l’ideale sarebbe tamponarla coi polpastrelli per farla asciugare sul viso, dopodiché, se l’avete usata sopra un’altra crema, sentirete la pelle fresca e morbida, se invece l’avete usata da sola sentirete probabilmente il viso tirare.

 

Ecco qua. Spero che questa review vi sia d’aiuto, e ringrazio nuovamente i referenti di Vovees che hanno preso in carico la mia richiesta e che mi hanno permesso di testare e parlarvi dei loro prodotti.

Grazie mille per aver fatto riferimento a questo blog anche oggi,

Ci rivediamo a giugno con altri nuovi articoli!

 

💪🐶Cani da riporto🐕⚾

A post shared by Veronica Pezzola (@vesd94) on

Fai conoscere la tua opinione!