CREALASH, per truccare gli occhi “senza errori”!

image“L’inutilità fatta oggetto”, ho pensato quando l’ho visto. Leggete l’articolo per scoprire se lo penso ancora dopo averlo provato.

Lo stesso giorno in cui ho ricevuto la mia prima Kawaii Box, ho ricevuto anche un pacchetto da parte della azienda CreaProducts (la stessa azienda dei CreaClip). In realtà io ho richiesto la collaborazione per testare i CreaNails, ovvero gli strumentini rosa che servono ad evitare che lo smalto esca dall’unghia toccando la pelle circostante del dito. Invece, nonostante la mia richiesta esplicita, l’azienda ha deciso di inviarmi il CreaLash, che è questo aggeggio dalla forma ambigua, di un freddo color violetto, che… a che cosa servirà questo aggeggio?

 

wp-1463583026344.jpgNella confezione è presente il CreaLash vero e proprio, insieme ad una mezza dozzina di CreaLash da viaggio in cartoncino, che sarebbero tipo usa e getta. Invece il CreaLash vero si può lavare e riutilizzare. In più, sul retro del cartonato ci sono le istruzioni in inglese, ma i video della fondatrice della CreaProducts sono rivelatóri. Ne trovate a centinaia digitando appunto CreaLash su Youtube.

 

Ebbene, il CreaLash è un articolo che serve ad aiutare le ragazze a truccare gli occhi senza errori. Ma sarà davvero così?

Valutiamo tutti i possibili usi. Sono più di quelli che vi verrebbero in mente guardandolo – io ho dovuto impiegare del tempo e valutare un po’ di video prima trovarli tutti.

 

    1. Ausilio con l’ombretto per fare la cosiddetta codina. Diciamo che è figo perché puoi colorarti l’occhio all’altezza che ti piace, del colore che vuoi, in base all’occasione e a quanto puoi permetterti di marcare il colore (poi definisci la forma della codina con un cottonfiock bagnato di acqua o di latte detergente). Anziché premere sulla codina, puoi anche sfumare verso la fine del sopracciglio per realizzare uno smokey eye. Mi piace tanto questo metodo per mettere l’ombretto, visto che non facevo mai la codina perché veniva storta, diversa rispetto all’altro occhio ecc ecc… Il criterio del make up senza errori può essere abbastanza soddisfatto, anche se bisogna farci la mano per riuscire a tenere bene fermo il CreaLash senza spostarlo.image
    2. Ausilio con l’ombretto per non mandarlo verso il basso mentre si sfuma. Si possono fare degli ottimi smokey eyes o simili mantenendo fermo con l’altra mano il CreaLash sulla linea immaginaria che continua dall’occhio verso la tempia. In questo modo non manderete la sfumatura di ombretto verso la zona latero-inferiore dell’occhio, andando quindi a chiudere lo sguardo. E’ abbastanza comodo e semplice, in questo caso il senza errori è soddisfatto al 100%. Ovviamente bisogna ricordarsi di non fare una linea netta come nella foto sopra, bensì bisogna sfumare il colore.
    3. Ausilio con l’eyeliner per reggere le ciglia verso il basso mentre fate la linea. Non ci riesco proprio. Io ho le ciglia abbastanza folte e lunghe, e, abbassandole, mi sembra di non riuscire a tenere stesa la palpebra in maniera naturale. E’ molto fastidioso per noi occidentali, che abbiamo tante ciglia. E oltre ad essere fastidioso, è proprio scomodo passare l’eyeliner sull occhio steso in questo modo. Io almeno non ci riesco: non nego che per qualcuno, questa soluzione, possa essere la scoperta della vita. Quindi, per me, non posso ritenere soddisfatto il criterio del senza errori.
    4. Ausilio con l’eyeliner per fare la codina. Diciamo che ci ho impiegato un po’ per riuscirci. Una volta imparato ad usare l’eyeliner senza escamotage diabolici, il CreaLash può aiutarci a rendere questo’operazione un pochino più rapida. Nella foto qui sotto ho usato l’unico eyeliner che ho disponibile al momento (quelli buoni sono finiti -.-), di Benecos (vi farò avere una recensione presto): vi anticipo che è difficile da usare perché molto liquido. Ebbene, essendo molto liquido, il pennellino non si pulisce bene dagli eccessi, il CreaLash si sporca e, se lo spostiamo passandolo sulla pelle, rischiamo di lasciare sgradevoli scie da dover rimuovere con l’aiuto di cottonfiock e struccante. L’ideale sarebbe distaccarlo dallo zigomo dopo aver fatto vento con la mano sulla linea di eyeliner fresca, per permetterle di asciugarsi e di non lasciare sgradevoli scie di “inchiostro”. Anche in questo caso posso consigliare il CreaLash perché il criterio senza errori viene raggiunto senza troppe manovre.image
    5. Ausilio per tenere abbassate le ciglia mentre applicate le ciglia finte. Devo dire che ho poca esperienza: ho acquistato le mie prime ciglia finte con relativa colla pochissime settimane fa. Non essendo ancora esperta (magari appena ci prendo la mano scrivo un articolo con i passaggi per applicarle al meglio), posso dire che le ho provate poche volte e, per applicarle il più vicino possibile vicino alla rima infracigliare, è stato fondamentale l’uso del CreaLash: con l’occhio a occhiolino (quindi con l’altro aperto), il CreaLash apre visibilità dove, normalmente, ci sono le ciglia. Certo, bisogna avere una buona manualità e dei buoni strumenti (pinzette con estremità abbastanza ampie per permettervi di appoggiare le ciglia con la colla nella posizione migliore…). Direi che il senza errori non è soddisfatto proprio al 100%, ma a un buon 70 sì!wp-1464341755402.jpg
    6. Ausilio col mascara per non macchiare la palpebra inferiore/superiore. Innanzitutto, io ho le ciglia lunghe anche a partire dalla rima inferiore dell’occhio. Lo potete notare dalla foto sopra. Se uso il CreaLash tra la pelle e le ciglia, occupo lo spazio che sfrutterebbe lo scovolino per permettere alle proprie setole di abbracciare le ciglia e riempirle di prodotto. Per me, è quasi impossibile. Non c’è umanamente spazio per passare lo scovolino di mascara. Potrebbe venire in nostro aiuto il CreaLash in cartoncino che effettivamente ha spessore inferiore rispetto a quello originale di plastica, però quello in cartoncino non ha vita lunga (non può essere ripulito, se sporco si rovina, ammorbidisce e deve essere buttato)… Per quanto riguarda le ciglia della rima superiore, invece, diciamo che l’operazione è più “fattibile”, anche se alquanto scomoda: dovremmo tenere un braccio verso l’alto a reggere fermo il CreaLash, l’altro braccio sollevato per applicare il mascara… dopo questa operazione le braccia ci fanno male 😛 . Spero abbiate compreso il concetto. In poche parole, se uso il CreaLash per proteggere le palpebre mentre metto il mascara alle ciglia, non c’è proprio spazio vitale per l’attività del mascara. E qua non posso accontentarvi: non c’è il senza errori.

 

 

In conclusione direi che sì, il CreaLash può essere utile quanto si vuole, però le make up artist hanno sempre lavorato senza, e i trucchi sono sempre venuti bene. Senza dubbio il CreaLash può essere una rivelazione per le ragazze sbadate, però non lo definirei indispensabile. Poi ricordiamoci sempre che anche le migliori make up artist ricorrono al nastro adesivo per disegnare la perfetta codina di eyeliner… Ci sarebbe da aprire un dibattito se la bravura sta nel guadagnarsi i risultati (la riga dritta) col sudore della propria fronte, o se sta nella capacità di semplificarsi la vita raggiungendo comunque un ottimo risultato estetico con uno sforzo minore

 

Ed è con questa massima filosofica che lascio a voi la possibilità di decidere se il CreaLash diventerà il vostro nuovo migliore amico, o se potrete vivere anche senza. Vi lascio il prezzo, che mi sembra un’ottima aggiunta alla vostra riflessione: $24.99.

 

In fin dei conti sono contenta di aver ricevuto il CreaLash piuttosto che i CreaNails: le unghie sono una delle parti che amo di meno nel mio corpo, e avrei finito per trascurarli, i CreaNails. Il make up occhi invece è una cosa che mi porterò sempre dietro nella vita, quindi la referente che ha trattato la mia richiesta è stata più lungimirante di me.

 

Vorrei ringraziare quindi la persona che mi ha dato questa possibilità e informarvi che, per acquistare, questo è il loro sito: www.creaproducts.com. La spedizione gratuita all over the world si raggiunge con una spesa pari o superiore ai 60$ e in più, la referente si è raccomandata di farvi sapere che c’è anche la possibilità di acquistare dal loro sito inglese per una spedizione più veloce nella nostra zona del globo: www.creaproducts.co.uk.

Detto questo l’articolo finisce qui.

Vi ricordo che potete iscrivervi al blog per diventare sostenitori facendo il log in con Facebook,

E in alto a destra nel blog trovate anche tutti gli altri link al profilo sui vari social che uso.

Grazie ancora per la fiducia,

Alla prossima!

Air show Terracina, Domenica 29 Maggio 2016 🙂

A post shared by Veronica Pezzola (@vesd94) on

 

Kawaii Box - The Cutest Subscription Box