Un lavaggio delicato per capelli: il COWASH

_20140703_201842Buongiorno! Molte di voi mirano alla spiaggia come meta delle vacanze, però qualcuna, come me, odia fare lo shampoo ogni sera dopo il mare. Ecco qua il metodo alternativo per lavare i capelli in maniera delicata senza usare lo shampoo, che, ogni giorno, diventerebbe troppo aggressivo.

imageCome ho già detto nell’introduzione, lavare i capelli ogni giorno E’ IL MALE: è un’operazione troppo aggressiva e i capelli ne risentono da morire. Però bisogna ovviare a questo problema, visto che abitiamo vicino al mare oppure abbiamo intenzione di andare in vacanza e fare il bagno ogni giorno.

E’ una tortura entrare in mare coi capelli legati, con il terrore che qualche bambino pazzo inizi a lanciare l’acqua per dispetto.

E’ un dolore altrettanto grande rischiare di bagnare i capelli dopo lo sforzo della sera precedente, di lavarli e asciugarli, e dopo lo spreco di shampoo, balsamo e corrente per il phon.

L’unica alternativa valida allo shampoo è il metodo che sto per suggerirvi. Questo metodo si chiama cowash.

Il termine cowash deriva dall’inglese “conditioner only wash” e ora capirete cosa significa.

  • _20140701_174627Ingredienti:
  1. Un bicchiere di plastica,
  2. Un cucchiaio,
  3. Un balsamo rigorosamente senza siliconi,
  4. Zucchero di canna, almeno la quantità di due cucchiai belli pieni.

 

  • Ma praticamente cos’è questo cowash?

Cowash significa lavare i capelli col solo uso di balsamo e di zucchero di canna. Bisogna mescolare al momento del lavaggio questi due ingredienti e massaggiarli sulla cute usando una piccola quantità d’acqua per far schiumare.
Avete letto bene, “schiumare”, infatti questo modo di lavare i capelli, se portato a termine nel modo corretto, sostituisce QUASI perfettamente uno shampoo: fa schiuma e lava come un qualsiasi altro detergente.

  • Come avviene fase per fase il cowash?

_20140703_201811Innanzitutto bagnamo i capelli, strofiniamo sotto l’acqua corrente per eliminare la sporcizia più superficiale.

Adesso possiamo versare lo zucchero nel bicchierino con il balsamo.

Usiamo 1 cucchiaio di balsamo e 2 cucchiai abbondanti di zucchero di canna per una capigliatura lunga fino a metà schiena.

La quantità di composto sembra minima, ma calcolate che serve solo per coprire tutta la cute: la schiuma che verrà fuori servirà per lavare anche le lunghezze.

Preparato il composto, velocemente (prima che lo zucchero si sciolga)  prendetelo a piccole dosi e spalmatelo sull’attaccatura dei capelli alla fronte, sull’attaccatura alla nuca, sui lati e sul vertice della testa. Massaggiate attentamente avendo cura di scrubbare con lo zucchero cute e radici. Massaggiate finché lo zucchero non si scioglie. Ogni tanto riempite per ¼ il bicchiere con l’acqua evitando di sprecare il prodotto avanzato. L’aggiunta di acqua favorirà la formazione di schiuma con cui laverete anche le lunghezze.
_20140703_201928Il massaggio dovrebbe durare una decina di minuti, massimo un quarto d’ora, dopodiché bisogna sciacquare ACCURATAMENTE per rimuovere ogni residuo di balsamo.

Non vi preoccupate se i capelli non sono scivolosi come quando fate lo shampoo, o se fanno il rumore dei piatti appena lavati (lo gneck gneck :p ) o se non vi sembrano lavati e districati come al solito. Mentre lavate via il prodotto aiutatevi con un pettine a denti larghi per districare i capelli piano piano.
A questo punto, se volete, potete usare il risciacquo acido. Pettinate ancora i capelli per far assorbire l’ultimo risciacquo e poi avvolgete la chioma nel panno.

 

Preferibilmente lasciate asciugare i capelli al sole, come ciliegina sulla torta. In questo modo i vostri capelli gioiranno. Se proprio avete bisogno di fare presto, invece, usate il phon su temperature intermedie, anzi, meglio ancora se scegliete l’aria fredda.

 

  • Come mi trovo io:

Io lavo i capelli solo due volte a settimana: nel weekend con lo shampoo e in settimana con il cowash. Mi trovo benissimo, i capelli sono lucidi e dopo il cowash non sono nemmeno crespi.
Il cowash funge da mascherone idratante, infatti non faccio mai impacchi: praticamente i miei capelli per ora non ne hanno bisogno.
Semmai voi aveste bisogno di fare impacchi, preferite di lavarlo via con lo shampoo: vi consiglio di scegliere anche voi due giorni fissi a settimana per procedere col lavaggio. Io ho scelto giovedì e domenica, oppure, in caso di necessità, mercoledì e sabato. Se la domenica uso lo shampoo, prediligo fare impacchi in questo giorno della settimana.

  • Alcune informazioni importanti:

IMG_20140703_162028Il cowash è un lavaggio ultra delicato, è consigliato infatti a chi ha la cute grassa. Adesso sarete pieni di dubbi: com’è possibile che uno con la cute grassa riesca a lavare via tutto il sebo con il balsamo??? È proprio così: lo zucchero di canna è un tensioattivo naturale. Magari non abbandonate lo shampoo per dedicarvi solo al cowash, e non abbandonate l’idea del cowash se la prima volta non vi siete trovate divinamente come vi ho assicurato io: insistete perché lavare i capelli delicatamente può solo fare del bene.

  • Posso usare solo Splend’Or e zucchero di canna?

No, l’importante è usare un balsamo senza siliconi. Tutte noi capellóne consigliamo lo Splend’Or perché è della giusta consistenza semi liquida. E poi costa meno di 1€.
Per quanto riguarda lo zucchero vi posso dire che io ho usato sempre e solo lo zucchero di canna, però so che c’è qualcuno che utilizza lo zucchero normale. Teoricamente viene consigliato lo zucchero di canna in quanto presenta granelli più grossi e grezzi, a differenza dello zucchero bianco che è raffinato, e per le sue dimensioni probabilmente si scioglie troppo velocemente. Magari non fate in tempo a lavare bene che si è già sciolto, e pensate che il metodo non funzioni su di voi. Usate lo zucchero di canna, lo trovate anche al Lidl!

  • Le quantità sono fisse?

IMG_20140703_162941Anche qui la risposta è no. Ovviamente bisogna creare una cremina: approssimate le quantità per eccesso o per difetto in base alle vostre esigenze. Magari il vostro zucchero di canna è diverso dal mio (?). Ognuno di noi ha un numero diverso di capelli in testa, e magari io ho bisogno di una quantità maggiore perché ho i capelli pari, rispetto a una ragazza che porta i capelli scalati o la rasata. L’unico modo per capire la giusta dose è provare. Ma siccome bisogna principalmente lavare la cute, secondo me, potete partire dalle quantità che vi ho consigliato io e non dovrebbero esserci problemi.
Io ho i capelli lunghi circa 70cm al momento, pari, folti e abbastanza grossi, e uso 1 cucchiaio di balsamo e 2 cucchiai abbondanti di zucchero di canna. E mi trovo bene.

Se non avete capito qualcosa commentate oppure mandatemi una email dalla pagina dei contatti: sarò felice di rispondere a tutti!
Mi raccomando, provate il cowash. Spero che lo adorerete <3
Passate una buona giornata!

  • ciao 🙂
    avrei una domanda… alla domanda “posso usare solo splend’or e zucchero di canna?” hai risposto di no… e poi rispondi che consigli lo splend’or e lo zucchero di canna
    non capisco 🙁

    • vesd94

      Il mio è un consiglio, non è mica un obbligo usare lo splendor al cocco per il cowash oppure lo zucchero di canna: ti ripeto che ho saputo di ragazze che hanno usato anche il balsamo ultradolce con lo zucchero normale (quello che metti nel tè o nel caffè praticamente) e si sono trovate bene lo stesso.
      Ti ripeto: lo zucchero di canna secondo me è meglio perché hai più tempo per farlo sciogliere e scrubbare 🙂
      Per quanto riguarda lo splendor invece avevo detto che era consigliato per il prezzo e per la consistenza, anche se ora hanno cambiato l’inci e l’hanno reso più denso… e io mi ci trovo bene lo stesso 🙂
      Spero di aver sciolto i tuoi dubbi :*

      • sisi grazie mille 🙂

  • Pingback: Plopping! | Il blog di Vesd94()

  • Pingback: I miei progressi in un anno | Il blog di Vesd94()

  • Pingback: Prodotti terminati di APRILE 2015 | Il blog di Vesd94()

  • Pingback: I must have della BioNazi | Il blog di Vesd94()